Le origini del ai???facite ammuinaai???

le-origini-del-facite-ammuina-142320di Livio Trapanese

Ricostruiamo uno dei tanti falsi sul Regno borbonico,Ai??la leggenda del “facite ammuina”, nata, come altre, negli anni successivi all’unificazione. Falsi denigratori, poi diventati “veritAi??”, seppure mai verificata: ecco come nacque una norma totalmente inventata, di cui si dava addirittura il numero dell’articolo (il 27 del Regolamento della Marina borbonica).

Un ufficiale di Marina napoletano,Ai??Federico Cafiero (1807-1889), pessimo elemento da accenti macchiettistici, passato con l’esercito piemontese subito dopo lo sbarco di Garibaldi, era a bordo della sua nave con l’equipaggio e dormiva. ArrivA? un’improvvisa ispezione, che trovA? il comandante immerso nei suoi sogni e la nave abbandonata a se stessa. Naturalmente Cafiero fu punito e, quando tornA? sulla sua nave, sentAi?? il bisogno, per evitare ulteriori dispiaceri, di dettare all’equipaggio alcune regole comportamentali.

Tra queste anche quella di fare rumore e chiasso in ogni modo possibile per avvertirlo subito in caso di improvviso arrivo di ispezioni o di ufficiali superiori.

Era il “facite ammuina”, diventato poi, per denigrazione, “regola della Marina borbonica”.

In realtAi??, come scrisseAi??Roberto SelvaggiAi??proprio su Il Mattino del 2 ottobre 1994, laAi??Marina borbonica era la terza d’Europa ed aveva uno dei regolamenti piA? moderni di quel periodo, tanto che, dopo l’unificazione, anche l’ammiraglio torineseAi??Carlo Pellion di PersanoAi??propose di adottare le norme napoletane per la Marina italianaAi?? (da Il Mattino, 11.04.2005).

L’organizzazione dell’Armata di Mare, questo il nome della Marina del Regno delle Due Sicilie (cfr. Mario Montalto, La Marina delle Due Sicilie, Editoriale Il Giglio, Napoli 2007) divenne un modello e fu imitata anche dagli stessi piemontesi, che molto probabilmente sono all’origine del falso del “facite ammuina”.

Lo riconosce lo storico liberaleAi??Raffaele De Cesare: Ai??(…) il conte di Cavour, assunto anche il ministero della Marina nel gennaio del 1860, ne adottA? le ordinanze, le manovre e i segnali di bandiera, che mancavano alla flotta sarda, e prescrisse per gli ufficiali la divisa napoletanaAi?? (Raffaele De Cesare, La fine di un Regno, 2 voll., rist. Newton Compton, Roma 1975, vol. I, pagina 167).

 

Fonte: www.ilvescovado.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>