GRAZIE. GRAZIE DI TUTTO. E NON SOLO DEI GOL

maradona stadio illuminato

Stadio San Paolo illuminato in onore di Maradona

 

GRAZIE. GRAZIE DI TUTTO. E NON SOLO DEI GOL.

di Gennaro De Crescenzo

Napoli 25 novembre 2020

 

“Maradona ha rappresentato per Napoli qualcosa di molto importante: è stato il riscatto, il vanto della città e quello che ha fatto lui a Napoli lo hanno fatto solo i Borbone e Masaniello” (Pino Daniele).
Diego, Pino, Massimo… i nostri miti, quelli di una generazione intera e forse anche di più. E li abbiamo persi e al dolore vero, come se avessimo perso un parente, anche in questo caso si accompagna il dolore di aver perso un pezzo della tua vita, forse quello più bello, quello di quando eravamo più piccoli. In un vecchio e bellissimo film, “L’uomo dei sogni”, si racconta che il paradiso è quello che tu vuoi che sia e nel film era un campo di baseball con l’erba bagnata e le luci di notte. E sarà quello il paradiso di Diego, da oggi: campo verde e luci accese come quelle bellissime del San Paolo stanotte. Io ero lì, in curva A, dietro quella porta, per quella punizione che fu magia vera e per giunta contro la Juve, gocce di pioggia sulla faccia, lacrime e voce stracciata ad abbracciare gente che non conoscevo. Ero sempre lì a salutarlo il giorno in cui arrivò dopo nottate di ansia da Barcellona, arriva o non arriva. Ed ero lì a festeggiare i due scudetti con i due abbonamenti che mio padre mi regalò, in una città che era diventata tutta azzurra e non avevo mai fatto caso al fatto che il nostro cielo fosse così uguale alle nostre bandiere. Petto in fuori su tutti i campi, Napoli prima, Napoli capitale: solo lui poteva accettare la follia di caricarsi sulle spalle il peso di una storia e di un popolo intero. Napoletano tra i Napoletani, da quando salì per le scale di quello spogliatoio fino a oggi e per sempre, senza tradire mai e (perdonatemi il paragone) come i re antichi, a capo dei popoli antichi, quelli che leggi nei libri e che racconti ai figli. “Per 365 giorni vi dicono che non siete Italiani e ora dovreste fare il tifo per l’Italia”? E io non lo feci il tifo per l’Italia. Non ero ancora neoborbonico ma gridai e saltai come un bambino quando Diego vinse contro l’Italia e, se il tifo è appartenenza, io quella notte (e tanti con me) sentii forte dentro di me l’orgoglio di quel ragazzo argentino e napoletano che non aveva studiato ma aveva capito tutto. E Diego era più forte e correva e scartava difensori e nemici, insulti volgari, insulti sottili (“l’uomo, il calciatore” e ancora continuano), tutta roba che non avrebbe mai subito se non avesse avuto, stampata sulla pelle, quella maglietta azzurra. Diego cadeva e si rialzava, di scatto, come se nessuno gli avesse mai fatto niente e spesso sorrideva proprio come sanno fare da quasi tremila anni i Napoletani, i Napoletani veri. Il paradiso, stanotte, è sotto quelle luci accese dello stadio Maradona. Grazie. Grazie di tutto e non solo di tutti i tuoi gol.
Gennaro De Crescenzo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>