Antichi mestieri napolitani: il mellunaro

mellonaro‘O mellunaroAi??era il venditore di meloni e cocomeri.
Si trattava naturalmente di un venditore ambulante che girovagava per le vie della cittAi?? con un carretto trainato da un asino, sul quale riponeva la sua merce. Quando si avvicinava un acquirente,Ai??‘o mellunaroAi??estraeva un piccolo cono dal frutto come “prova” per mostrare al cliente la bontAi?? e la maturazione del frutto scelto. Oltre ai cocomeri, c’era anche chi vendeva meloni bianchi (in dialettoAi??‘e mellune ‘e pane) di varia natura e meloni verdi, che erano da conservare appesi ad una rete per il periodo natalizio.
Di solito, attirava i clienti con le seguenti grida:
“Tenghe ‘e mellune chiene ‘e fuoche, me pare ca ‘nce sta’ ‘o Diavulo ‘a dinte, te pare ‘e vedA? ‘o fuoche ‘e ll’infierno” (Ho i cocomeri pieni di fuoco, mi sembra che ci sia il Diavolo dentro, ti sembra di vedere il fuoco dell’inferno).
“Tante d’ ‘o russe, ca pare ca s’A? appicciate ‘o ciucce cu’ tutt’ ‘a carretta” (C’A? cosAi?? tanto rosso che sembra si sia incendiato l’asino con tutto il carretto).
“Jammo, ‘nu sordo… magne, bive e te lavi ‘a faccia” (Andiamo, un soldo… mangi, bevi e ti lavi la faccia).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>