Cosa si mangiava alla corte del Regno delle due Sicilie?

cena borbonica manifesto

Una cena borbonica, per valorizzare cibo e identitAi?? del Meridione. Il progetto ideato dallai??i??associazione Osterie Tipiche.com vedrAi?? il coinvolgimento di osterie, scuole, associazioni culturali e Camera di Commercio.

Il primo test mercoledAi?? 9 luglio in due osterie di Angri in provincia di Salerno
Cosa si mangiava alla corte del Regno delle due Sicilie? E quanto resta invece nella cucina di oggi? Stando agli studi intrapresi dallai??i??associazione Osterie Tipiche, in molte famiglie del Sud persiste la tradizione di portare in tavola alcuni piatti dai sapori antichi come tanti sono quelli che la ricercano in osterie e locali tipici. Cibo e identitAi??, dunque due valori imprescindibili della cultura meridionale che trovano piena esaltazione nella valorizzazione dellai??i??enogastronomia del Sud . Ne sono convinti i gestori associati di Osterie Tipiche.com che hanno intrapreso un progetto sperimentale con lai??i??avvio della prima Cena Borbonica che si svolgerAi?? mercoledAi?? 9 luglio in due osterie associate di Angri in provincia di Salerno, si tratta della Taverna e Mastai??i??Aniello e di Osteria de Goti. ai???Promuovere la cucina tipica per valorizzare la filiera agroalimentare territoriale e creare economie- commenta il presidente di Osterie Tipiche Agostino Ingenito- Ecco perchAi?? il progetto prevede anche il coinvolgimento delle scuole alberghiere, pro loco, Camera di Commercio e soggetti culturali interessatiai???. La particolare cena che richiama i fasti della reale Casa Borbonica sarAi?? a base di piatti della tradizione con importanti innovazioni. ai???Far conoscere la propria storia mediante il cibo A? unai??i??importante strumento che rafforza e identifica ai??i?? hanno cosAi?? commentato Chiara Foti e Fiore Marro,rispettivamente coordinatrice giovanile e presidente nazionale dei Comitati delle Due Sicilie, intervenuti durante la conferenza stampa a cui hanno preso parte anche il consigliere nazionale dellai??i??Ordine dei Giornalisti Salvatore Campitiello che ha condiviso lai??i??iniziativa come il presidente della Pro Loco CittAi?? di Angri Giuseppe Abate e la professoressa Antonietta Serino, vicaria del dirigente Pino Santangelo dellai??i??Isis Giustino Fortunato di Angri che si A? resa disponibile ad attuare un laboratorio con alternanza scuola-lavoro da svolgersi in autunno. Piena sintonia e condivisione del progetto A? stata espressa anche dal consigliere della Camera di Commercio di Salerno Demetrio Cuzzola. ai???Solo la condivisione e la sinergia tra gli operatori della ristorazione tipica e della filiera puA? consentire di rendere ancora piA? interessante un segmento economico che malgrado la crisi economica sta tenendo proprio perchA? valorizza la qualitAi?? e lai??i??identitAi?? territoriale ai??i?? conclude Ingenito ai??i?? I prossimi obiettivi sono di estendere il progetto anche ad altri territoriai???.www.osterietipiche.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>