Tavola Meridionale : Memoria, orgoglio e riscatto .

tavola-rotonda-pubblico

 

 

 

 

 

 

Noi, Neoborbonici ! Storie di Orgoglio Meridionale

Roma 26.11.16 ai??i?? Hotel Golden Tulip Bellambriana

Ospiti dellai??i??Hotel Golden Tulip Bellambriana di Roma, in un incontro organizzato dalla Tavola Meridionale, di cui sono promotori, tra gli altri, i nostri due soci Umberto Perlingieri e Santo Russo, A? stato presentato il nuovo libro di Gennaro De Crescenzo : Noi, Neoborbonici ! Storie di Orgoglio Meridionale. Continua a leggere

I Neoborbonici ospiti della Tavola Meridionale

noi-i-neoborbonici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caserta 18 novembre 2016

Comunicato Stampa Ufficio CDS

I Comitati Due Sicilie partecipano al progetto del gruppo Tavola Meridionale, sodalizio identitario duosiciliano che opera in Roma e raccoglie le varie anime del meridionalismo italico, di sabato 26 novembre 2016 dalle ore 20.00, in occasione della presentazione del libro di Gennaro de Crescenzo – NOI, I NEOBORBONICI. Continua a leggere

UNA LAPIDE E UNA STRADA PER FRA’ DIAVOLO, EROE DEL SUD A 210 ANNI DALLA MORTE

220px-michele_pezza_using_guerrilla_warfare_against_the_french_in_italyAi??Caserta 11 11 2016

Chiara Foti

– Michele Pezza (detto Fra Diavolo) è stato per quanti conoscono la storia del Sud, un eroe della restaurazione borbonica che dai confini nord del Regno si impegnò a liberare Napoli. Fu giustiziato l’11 novembre 1806 mediante impiccagione a Piazza Mercato, durante il decennio francese. Continua a leggere

Evento identitario: S. Messa delle Bandiere

schermata-2016-11-10-alle-13-57-34

Formia 10 novembre 2016

di Chiara Foti

E’ antica la tradizione secondo la quale nel Regno delle Due Sicilie, si benedicevano le bandiere nazionali. La benedizione avveniva l’otto dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, poichè la Vergine Immacolata è compatrona assieme a San Francesco di Paola, del Regno delle Due Sicilie e a tutt’oggi molto venerata nella città partenopea come in tutto il sud Italia. Continua a leggere

IX Edizione di Pontelandolfo: Onore ai ribelli identitari e romantici delle Due Sicilie.

fiore pontelandolfo 2016 le tre bandiere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IX Edizione di Pontelandolfo: Onore ai ribelli identitari e romantici delle Due Sicilie.

di Fiore Marro

Caserta 21 agosto 2016

Fragneto Monforte l 14 Agosto 1861 ore 7 a .m. Oggetto: Operazione contro i Briganti: Ieri mattina all’alba giustizia fu fatta contro Pontelandolfo e Casalduni. Essi bruciano ancora. Il sergente del 36° Reggimento, il solo salvo dei 40, con noi. Divido oggi le mie truppe in due colonne mobili; l’una da me diretta agirà nella parte Nord ed Est, l’altra sotto gli ordini del maggiore Gorini all’Ovest a Sud di questa Provincia. Il Luogotenente Colonnello Comandante la Colonna: firmato Negri. Continua a leggere

Una Miss per le Due Sicilie – CDS Calabria in Fest

prova2

Una Miss per le Due Sicilie CDS Calabria in Fest

Taurianova (n RC) 1 agosto 2016

di Antonino Condrà

13823729_10206793703382184_1642529966_nÈ la modella/attrice, cittanovese, Rita Casalnuovo , a fare da testimonial al concorso di bellezza: Una Miss per le Due Sicilie. Rita Casalnuovo, attrice emergente, figurerà nella fiction: il Giustiziere, protagonista Marco Bocci, in onda in autunno sulle reti Mediaset. Il Concorso: Una Miss per le Due Sicilie è stato promosso dai Comitati delle due Sicilie, allo scopo di omaggiare la bellezza delle donne del sud e valorizzare siti e località turistiche in cui la manifestazione farà tappa. Serate casting sono già in corso presso rinomate strutture turistiche della costa tirrenica. Il concorso è in fase sturt up, Continua a leggere

Fenestrelle ancora

fenestrelle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La nuova targa offerta dai CDS ai soldati borbonici.

 

Fenestrelle ancora

Caserta 28 giugno 2016

Ufficio Stampa Comitati Due Sicilie

I Comitati Due Sicilie saranno presenti a Fenestrelle il 3 luglio 2016, assieme al Movimento Neoborbonico e ad altri gruppi identitari. In questa trasferta duosiciliana interverranno i rappresentanti delle delegazioni della nostra Associazione, cominciando da quella nazionale, capitanata da Continua a leggere

Nel nome dei Borbone

nel nome dei borbone

Nel nome dei Borbone

di Lucia Di Mauro

Napoli 27 giugno 2016

Ieri, 26 giugno 2016, la nostra Associazione, nella persona di Assunta Cafiero, ha offerto una targa di nomina come presidente onorario di Comitati Due Sicilie a S.A. Maria Carolina di Borbone. Tale scelta non è stata casuale, ma ha voluto essere un preciso riconoscimento del ruolo di continuità dinastica che Carlo di Borbone ha conferito alla principessa Maria Carolina, nel discorso da lui pronunziato durante la celebrazione del Giubileo della Misericordia.

Il principe è il diretto discendente di Francesco II, un re che ha profondamente amato il nostro popolo tanto da provare un intenso sentimento d’identificazione con esso, come si evince nell’ultimo proclama di questo giovane sovrano: Io sono Napolitano; nato tra voi, non ho respirato altr’aria, non ho veduti altri paesi, non conosco altro suolo, che il suolo natio. Tutte le mie affezioni sono dentro il Regno: i vostri costumi sono i miei costumi, la vostra lingua la mia lingua, le vostre ambizioni mie ambizioni.

In seguito la sollecitudine per la gente dell’antico Regno delle due Sicilie mai A? stata rinnegata dal ramo napoletano della Reale Casa dei Borbone.

Anche il principe Carlo e la sua famiglia mai hanno smentito la tradizione di vicinanza alla gente dell’antico Regno, mediante iniziative benefiche, presenza sui territori ed anche incoraggiamenti verbali (ricordo le parole di Sua Altezza al tempo del doloroso problema dell’immondizia nella città partenopea, quando affermò: Napoli: alzati!)

Il nome dei Borbone per il popolo napolitano si traduce con identità, orgoglio, fierezza, riscatto, libertà.

Per tali motivi Comitati Due Sicilie appoggia incondizionatamente la scelta del duca di Castro di ammettere le proprie figlie alla successione nella guida della Casa Reale.

Le due fanciulle, in particolare Maria Carolina, hanno il compito non tanto di ereditare un Regno ma di riconquistarlo, affinchè la gente napolitana possa spezzare il giogo di schiavitù a cui le tristi manovre savoiarde lo piegarono.

Ancora una volta , oggi come nel passato, la speranza del futuro per il nostro popolo rinasce nel nome dei Borbone.