I soci e gli amici dei CDS USA in questa Giornata della Memoria dei Caduti del Regno delle Due Sicilie

fiore-al-giubileo-con-i-cds-e-santelia-foto-foti

COMITATI DUE SICILIE USA

COMUNICATO STAMPA

New York- 13 febbraio 2018

I soci e gli amici dei CDS USA in questa Giornata della Memoria dei Caduti del Regno delle Due Sicilie ricordano tutte le vittime del Risorgimento ed i molti sacrifici e sofferenze subiti dai Duosiciliani dal 1860 fino ai giorni nostri. Da ormai venti anni con orgoglio e amore per la nostra terra d’origine combattiamo all’estero per la dignità della nostra gente. Dagli Stati Uniti, dove le Due Sicilie sotto S.M. Ferdinando I aprì la prima ambasciata di uno stato italiano ed una grande rete consolare da New York, Boston, e Washington a Savannah, Mobile e New Orleans, siamo orgogliosi di rilanciare programmi per diffondere la conoscenza della nostra storia e della nostra cultura.

I soci e gli amici dei CDS USA altrettanto esprimono loro viva solidarietà a tutti i nostri carissimi compaesani sparsi per il mondo del Diaspora Duosiciliano, ed in particolar modo assecondiamo i sentimenti espressi da Fiore Marro durante suo intervento alla conferenza Eccellenze di Napoli svolto il 8 febbraio. Più che mai abbiamo bisogno di una solida e ferma unità basata sulla nostra storica identità, non su programmi e slogan politici di un patriottismo falso. Il fatto che ancora una volta politici provenienti da altre latitudini, portatori e continuatori di ideologie fallite e inapplicabili e fautori di storiografie basate sul propaganda vuoto di ieri vengono a cercare collaborazioni ci spinge verso i nostri.

Noi osserviamo tali comportamenti nervosi e frenetici dalla parte dei politici come una buona notizia. Stiamo vincendo. Pù cercano di denigrare nostro movimento, più corteggiano nostri voti, più mandano studiosi falsi e corrotti per sfidare ed attaccare nostre pubblicazioni, pù? diventa evidente che loro si sentono minacciati. E giustamente: ci siamo ridati noi la nostra identità. Oggi siamo molti, in molti paesi, in molti settori. E ci facciamo sentire. Noi all’estero siamo la prova vivente che l’esperimento risorgimentale non solo è fallito (dopo la creazione dell’Italia in milioni siamo partiti, da Nord a Sud), ma che la tesi secondo la quale, noi avevamo e abbiamo tuttora bisogno di una cosiddetta missione civilizzatrice per insegnarci la via è un presupposto falso.Appena che ci si toglie la superstruttura italiana noi realizziamo progetti importanti. nell’occhio che all’estero siamo gli italiani più potenti economicamente e culturalmente rilevanti. Generiamo posti di lavoro, creiamo opere d’arte, svolgiamo alti incarichi presso banche e società multinazionali, facciamo ricerche scientifiche, e importiamo la maggior parte dei prodotti italiani (anche quelli del Nord). Ciò nonostante vogliamo vivere dignitosamente a casa, riuniti con le nostre famiglie.

Ci auguriamo una nuova fase di impegno, sviluppo, commercio e produzione culturale, degna della nostra gente e delle nostre migliori tradizioni. Tale fase incomincerà in base alla nostra forte identità Salteremo ogni ostacolo, insieme, fianco a fianco, all’insegna dello spirito di vera fratellanza, la nostra, sotto nostro vero ed unico Vessillo. Dobbiamo saltare Roma, Milano, Torino e simili, ed andare direttamente ai mercati di New York, Londra, Berlino e Tokio per farci sentire e farci salire al posto che merita la nostra antica civiltà, senza nessuna mediazione e nessun intervento dalla parte di chi non ha a cuore i nostri interessi. ci frequentiamo, e ci scambiamo idee ed esperienze, più affari facciamo fra di noi, più avanti andremo. Assumiamo noi la piena responsabilità per tutelare i nostri interessi. Non abbiamo bisogno del presunto aiuto dei terzi e faremo valere i nostri diritti e dimostreremo le nostre capacità al mondo. Abbiamo bisogno solo della nostra unità. Per cui invitiamo tutti quelli che amano la nostra gente ad associarsi a noi e di portare avanti il lavoro già iniziato da nostri avi appena dopo la caduta del Regno.

Un abbraccio fraterno ai nostri carissimi fratelli e sorelle sparsi per il mondo. Noi siamo sempre con voi. Onore ai resistenti. Ci vedremo a Gaeta!

FORZA E ONORE

Charles Sant’Elia

Presidente CDS Usa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>