La fine del mito unitario : Cavour.

cavour

 

La fine del mito unitario : Cavour.

di Lucia di Mauro

Napoli, 23 novembre 2016

Camillo Benso, conte di Cavour

A? del 2013 una delle trasmissioni Rai, cosiddette colte, appartenente al ciclo intitolatoai??? La storia siamo noiai???, dove si vuole presentare la figura del politico e imprenditore italiano Camillo Paolo Filippo Giulio Benso, conte di Cavour. Durante la visione del documentario ci si rende conto di come, dopoAi??152 anni dalle imprese del Conte, la veritAi?? su di lui ancora non venga raccontata.

Definito come il grande stratega, artefice dell’unitAi?? italiana, uomo progressista visionario di grandi ideali, Cavour fu in realtAi?? un grande giocoliere, abile nel far volgere a favore del regno sabaudo gli avvenimenti internazionali.

I Savoia e lo stesso Cavour avevano affossato l’economia piemontese ( ricordo che fu ministro delle Finanze del 1851), indebitandosi con Inghilterra, ma soprattutto con i Rothschild, per svariati milioni.

Come risollevare le sorti del Regno di Sardegna senza rischiare un’invasione delle grandi potenze a cui era debitore lo stato piemontese?

La risposta fu una politica espansionistica che ebbe nome di unitAi?? d’Italia, ma che servAi?? al Conte per risolvere i problemi in casa propria.

Contrariamente a ciA? che si crede, Cavour non aveva un disegno preordinato di unitAi?? nazionale, che era dovuto piA? a Mazzini, ma l’idea d’Italia unita era funzionale ai suoi scopi.

Infatti, in primis, la Banca Nazionale Sarda, che era sotto il controllo dello stesso Cavour, divenne, grazie a quest’ultimo, un’autentica tesoreria di Stato e, come tale, acquisAi?? il potere di battere moneta. Tale moneta, perA?, era fatta di carta straccia, in quanto i Savoia avevano dato fondo alla riserva aurea dello Stato del regno di Sardegna, grazie alla loro politica guerrafondaia.

Il Banco di Napoli, al contrario, possedeva un capitale altissimo in oro e argento, in modo da tale da poter battere moneta per 1.200 milioni ed assumere in tal modo il controllo dei mercati.

La conquista del Sud avrebbe significato anche il possesso del Banco di Napoli.

In seconda istanza, favorendo gli interessi inglesi, il Piemonte avrebbe arginato il pericolo di unai??i??invasione da parte delle grandi potenze e pagato i suoi debiti con Rothschild.

Ma perchAi?? l’Inghilterra aveva interesse ad eliminare il Regno delle Due Sicilie?

La perfida Albione aveva anzitutto la necessitAi?? di eliminare un concorrente sempre piA? forte nei mercati del Mediterraneo ed inoltre voleva realizzare il progetto massone di soppressione della Chiesa cattolica.

Concludendo, lai??i??abile stratega non agAi?? spinto da ideali romantici, come il secolo in cui A? vissuto poteva far supporre, nemmeno seppe concepire la visione politica di una Italia ed Europa unite, bensAi?? fu soltanto al servizio degli interessi savoiardi per la sua stessa ambizione.

L’ultimo giudizio che i posteri possono esprimere su questo uomo si puA? sintetizzare in un solo termine: vanagloria .

Un pensiero su “La fine del mito unitario : Cavour.

  1. ma perche parlate sempre della banca di napoli e non parlate del banco di Sicilia che prima che si diventasse regno delle due Sicilie era il regno di SICILIA ad essere il più ricco e con l’unione dei due regni loro e l’argento che erano nei cavo del banco di sicilia fu trasferito nel banco di napoli per poi essere trafugato dai savoia assassini.e portato a torino.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>