Lai??i??identitAi?? a mezza botta, quando ci vuole poco a definirsi Duosiciliani.

fiore-a-torino-5-luglio

 

 

 

 

 

 

 

Lai??i??identitAi?? a mezza botta, quando ci vuole poco a definirsi Ai??Duosiciliani.

di Fiore Marro

Caserta 17 settembre 2016

Quando sta accadendo a Roma A? lai??i??anticipazione possibile di quello che potrebbe succedere con un governo di stampo grillino, e tutto sommato non dovrebbe dispiacermi, muoia Sansone con tutti i Filistei, sarebbe un vero primo passo verso quella liberazione territoriale tanto agognata dai popoli duosiciliani; ciA? che sta accadendo al campidoglio A? una sorta di prove tecniche di ritorno a Weimar, si A? avuto in questo periodo,Ai?? un esempio dei risultati che possono produrre questiAi?? pivellini e cioA? approssimazione, propagandismo spiccio, volgaritAi?? infantile, moralismo da quattro soldi e soprattutto presunzione e assoluta mancanza di umiltAi??. Ultimamente tutti abbiamo assistito allai??i??ennesima sagra delle bugie, dellai??i??incompetenza e della malafede, solo un sordo e un orbo non lai??i??hanno scorto, fermo restando che ci sono alcuni che si professano dei nostri, che si sono schierati come paladini indefessi per difendereAi?? questo carro, una situazione grottesca e incomprensibile. Classica della confusione che vige nel nostro cosmo.

Il grande Vate del VFDay, parla di attacco da parte dei poteri forti, perA? a dimettersi a Roma sono stati quelli scelti da loro, dimostrando la dove ce ne fosse stato bisogno, una totale confusione mentale, politica e assolutamente chiarificatrice di ciA? che si prospetta nel caso dovessero andare a governare.Ai?? Sarebbe tutto oro che cola per noi delle Due Sicilie.

Il loro ritornello dominante A? stato da sempre :Trasparenza, ma qui la trasparenza A? stataAi?? zero, altro che chiarezza, si A? notata una totale oscuritAi?? e negazione della tanto decantata trasparenza , ancora non si capisce chi decide e cosa a Roma e in mezzo a loro. Sembra davvero il direttorio dei giacobini napoletani del 1799, dove la Pimentel e Pagano pensavano di governare Napoli, mentre a decidere erano comunque e sempre i ai???francesiai???. Questa gente doveva cambiare le cose, dovevano a loro dire, rinnovare tutto, e invece aprono lai??i??amministrazione comunale romana,affidando lai??i??assessorato alla signora Muraro, che A? la responsabile principale dei rifiuti di Roma. Tutto ciA? rendere ridicolo soprattutto il loro punto di partenza: la questione morale, tutto ciA? rende ridicolo chi si professa duosiciliano e continua a difendere lai??i??Italia e il suo sistema.

Altro che nuovo che avanza . Il tanto decantato Luigino Di Maio ha negato lai??i??evidenza, nella migliore veste di novello Claudio Scajola.

Eai??i?? facile fare i moralisti da quattro soldi della domenica, Eai??i?? facile predicare bene dal salotto di casa. Eai??i?? da irresponsabili, a mio sommesso avviso, proclamarsi duosiciliani e essere a favore di codesti soggetti, che non rilevano nessuna differenza con qualsiasi altro movimento di stampo italiota, che hanno fatto come punto di non ritorno la scelta di essere difensori della Costituzione Italiana, che nulla a che vedere con la nostra lotta identitaria, mai nessun irlandese che si rispetti si batterebbe per la corona inglese, mai nessun basco degno di questo nome affronterebbeAi?? questioni per difendere le Cortes Generales, mai un palestinese che fosse uno si unirebbe nel combattereAi?? al fianco del migliore degli ebrei, solo da noi accade questo, proprio perchAi?? come dico spesso, ciA? che manca A? la vera ai???radicalizzazioneai??? del credo duosiciliano, un vuoto ancora difficile da colmare, altro che storie, la nostra gente se si vuole considerare tale deve prendere le distanze da chiunque rappresenti un solo brandello di quella maledetta bandiera tricolore, non deve assolutamente sentirsi appartenere a nessuna etichetta che si rifAi?? a questo Stato, lai??i??unica veraAi?? appartenenzaAi?? A? quella alla Due Sicilie, vincoli e non sparpagliati, altro che 5 stelle, neri e rossiAi?? e mezzelune.

Forza e onore

6 pensieri su “Lai??i??identitAi?? a mezza botta, quando ci vuole poco a definirsi Duosiciliani.

  1. Salute, mi permetta di precisare. La sua critica nei confronti delle 5S e’ corretta. Allo stesso tempo sarebbe necessario precisare che gli argomenti che usa il PD e tutti i media italiani contro la sindaca di Roma hanno lo scopo di azzerare i risultati delle elezioni e installare un commissario che cosi’ potrebbe perpetuare il saccheggio della citta’. Gia’ Marino dovette soccombere agli assalti calunniosi da parte di tutti, compreso il Vaticano, avendo avuta egli la intenzione di fermare il sacco di Roma da parte delle organizzazioni mafiose e paramafiose. Del resto Renzi sta cercando per vie traverse di commissariare Napoli a cominciare da Bagnoli. Come Duosiciliani , penso, bisogna cercare posizioni proprie, critiche proprie e obbiettivi propri. La vicenda di Roma mostra una lotta tra bande all’ interno della stessa visione della societa’, cambiano solo le sfumature.

    • Ma infatti Nicolai, la mia non è una riflessione solo contro i grillini, più che altro è un’ennesimo tentativo di scuotere la nostra gente a evitare di fare “il tifo” per chiunque si professi difensore del tricolore. Spero davvero che tu non pensi di me che io sia un filo renziano o peggio ancora piddino. Sarebbe per me deludente così, perchè allora non sono stato in grado di spiegare il concetto.

      • Salute, non penso affatto che tu sia filorenziano o pd. Ti seguo regolarmente e conosco le tue posizioni e le condivido. La mia osservazione tuttavia é mossa dalla considerazione che il grande pericolo in questo momento é proprio Renzi, il Pd e il monopolio dell’informazione a tutti i livelli. L’attacco a Raggi é parte, secondo me, della strategia per squalificare una forza che si oppone al monopolio affaristico paramafioso che ha saccheggiato Roma negli ultimi decenni, e che potrebbe avere chances elettorali. Cioé, in questo momento il grande pericolo sono gli “esperti”del PD e affini, che hanno appunto esperienza nell’amministrare a proprio vantaggio la ricchezza disponibile. I grillini avevano iniziato come forza contestatrice e ribelle ma poi sono stati indirizzati da Grillo nella via parlamentaristica e elettoralistica adottando quindi tutte le manovre opportunistiche conseguenti a questo tipo di attivitá. Vedrei una analogia, dell’attacco a Raggi con l’attacco continuo a DeMagistris. Questi non vuole far subire un nuovo assalto colonialistico a Napoli per mezzo di Bagnoli e sta subendo una campagna denigratoria (vedi il Mattino).
        Con tutta la mia stima
        Nicolai

  2. “Non siamo un partito…” …e allora? Perché ci mettiamo a criticare gli altri partiti? Inoltre, tu, proprio come presidente di un non partito, non puoi permetterti di dare addosso ad altri, correndo il rischio -oltretutto- di offendere tutti i nostri consociati che, magari, votano 5 stelle.
    “Non siamo un partito…” …e allora, stiamo fuori da queste polemiche di… partito.
    Personalmente, è una vita che non vado a votare (referendum a parte), per cui non tifo 5 stelle, ma sapessi come ho goduto, infinitamente goduto, vedere come rodeva agli “olimpionici” che, magari già s’erano fatti i conti per il 2024 e, magari, anche le “spartenze”…
    Non capisci che questi sono quelli che perpetuano il “Sacco di Roma” iniziato nel 1870?
    Perciò, Presidè, facciamoci le… stelle nostre…
    Ciao

    • Sono anni che prepariamo o proviamo a farlo, la nostra gente e sono anni che come una maledizione si presenta qualcuno a raccogliere i frutti del nostro lavoro identitario, non siamo un partito e non lo diventeremo mai, ci mancherebbe, ma essendo uomini e non caporali un poco le scatole dinnanzi a tutto ciò mi girano e talvolta, la reazione è quella di avere l’esigenza di scrivere e rendere noto il mio pensiero. Mi auguro che il nostro popolo smetta di delegare gli altri e cominci a prendere in considerazione, quelli che da anni si battono solo per le Due Sicilie, senza rincorrere surrogati. Io amo lo sport e sul discorso delle Olimpiadi ho già detto, in più momenti la mia, inutile che ripeta. Non credo che sia salutare farsi le “stelle” proprie, per fare così perdemmo un regno e la dignità.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>