Il significato dei luoghi nel presepe napoletano

presepe05Il presepe napoletano ambientato nella Napoli del Settecento descrive il momento in cui è nato il Salvatore. Ciò che pochi sanno riguardo a questa tradizione così cara alle famiglie, è che ci sono luoghi ricorrenti nelle scenografie che si sviluppano intorno alla grotta in cui è collocata la Sacra Famiglia, che hanno un significato non casuale. Vediamo insieme quali sono:

Il mercato: Nel presepe napoletano del ‘700 le varie attività lavorative rappresentano come in un’istantanea i principali commerci che si svolgono lungo tutto l’anno. Quindi è possibile interpretare arti e mestieri come personificazioni dei mesi seguendo questo schema:

  • gennaio: macellaio o salumiere
  • febbraio: venditore di ricotta e formaggio
  • marzo: pollivendolo
  • aprile: venditore di uova
  • maggio: una donna che vende ciliegie
  • giugno: panettiere
  • luglio: venditore di pomodori
  • agosto: venditore di cocomeri
  • settembre: contadino o seminatore
  • ottobre: vinaio
  • novembre: venditore di castagne
  • dicembre: pescivendolo

Il ponte: simboleggia il passaggio da un luogo ad un altro ed è collegato alla magia. Alcune favole napoletane raccontano di tre bambini uccisi e seppelliti nelle fondamenta del ponte allo scopo di tenere magicamente salde le arcate. Rappresenta quindi un passaggio tra il mondo dei vivi e quello dei morti.

Il forno: evidente richiamo alla nuova dottrina cristiana che vede nel pane e nel vino i propri fondamenti nel momento dell’Eucarestia, oltre a rappresentare un mestiere tipicamente popolare dell’epoca.

Chiesa, crocifisso: La presenza di una chiesa, come anche del crocifisso, testimonia l’anacronisticità del presepe napoletano che è ambientato nel ‘700.

L’osteria: Riconduce, in primo luogo, ai rischi del viaggiare. Di contrasto, proprio perché i Vangeli narrano del rifiuto delle osterie e delle locande di dare ospitalità alla Sacra Famiglia, il dissacrante banchetto che in esse vi si svolge è simbolo delle cattiverie del mondo che la nascita di Gesù viene ad illuminare

Il fiume: L’acqua che scorre è un simbolo presente in tutte le mitologie legate alla morte e alla nascita divina. Nel caso della religione cristiana, essa richiama al liquido del feto materno ma, allo stesso tempo, all’Acheronte, il fiume degli inferi su cui vengono traghettat e le anime dei dannati.

Il pozzo: collegamento tra la superficie e le acque sotterranee, la sua storia è ricca di aneddoti e superstizioni, che ne fanno un luogo di paura. Una su tutte, quella per la quale un tempo ci si guardava bene dall’attingere acqua nella notte di Natale: si credeva che quell’acqua contenesse spiriti diabolici capaci di possedere la persona che l’avesse bevuta.

 

Chiara Foti segretario nazionale CDS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>