“Quanno Nascette Ninno”-(S. Alfonso Maria De Liguori -1600 ca)

SANTALFONSO-MARIA-DE-LIGUORI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

S. Alfonso Maria De LiguoriAi??

 

“Quanno Nascette Ninno”-(S. Alfonso Maria De Liguori -1600 ca)

TESTO in Napoletano e in Italiano

*****************

Quanno nascette Ninno a Betlemme,

era notte e pareva miezojuorno.

Maje le stelle,

lustre e belle,

se vedA?ttero accussAi??.

E ‘a cchiA? lucente,

jette a chiammAi?? li Magge a ll’Uriente.

A no paese che,

a no paese che se chiamma Ngadde,

sciurettero le vvigne e ascette ll’uva.

Ninno mio

sapuretiello,

rappusciello d’uva si’ tu

ca, tutt’ammore,

faje doce ‘a vocca e po’ ‘mbriache ‘e core.

Non c’erano nemice

non c’erano nemice pe’ la terra.

La pecora pasceva co’ ‘o lione.

Co’ ‘o capretto,

se vedette

‘o liupardo pazzeAi??.

Ll’urzo e ‘o vetiello

e, co’ lo lupo, ‘mpace ‘o pecoriello.

S’arrevotaje ‘nsomma,

s’arrevotaje ‘nsomma tutt’ ‘o munno,

lo cielo, ‘a terra, ‘o mare e tutt’ ‘e ggente.

Chi dormeva,

se senteva

‘mpiett’ ‘o core pazzeAi??

pe’ la prejezza.

E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore,

guardavano le ppecore ‘e Pasture.

E n’Angelo, sbrennente cchiA? d’ ‘o sole,

comparette

e lle decette:

“Non ve spaventate, no.

Contento e riso,

la terra A? addeventata Paraviso”.

*****************

TESTO in Italiano

“Quando nacque GesA? Bambino”

Quando nacque GesA? Bambino a Betlemme,

era notte e sembrava mezzogiorno.

Mai le stelle,

lustre e belle,

si videro cosAi??.

E la piA? splendente

andA? a chiamare i Magi dall’Oriente.

In un paese,

in un paese che si chiama Engaddi,

fiorirono le vigne e uscAi?? l’uva.

Bambino mio

saporito,

ramoscello d’uva sei tu

che, tutto amore,

rendi dolce la bocca e poi ubriachi i cuori.

Non c’erano nemici,

non c’erano nemici per la terra.

La pecora nasceva con il leone.

Col capretto,

si vide

il leopardo giocare.

L’orso e il vitello

e, con il lupo, in pace il vitello.

Si sconvolse insomma,

si sconvolse insomma tutto il mondo,

il cielo, la terra, il mare e tutte le genti.

Chi dormiva

si sentiva

in petto il cuore giocare

per l’allegria.

E sognava pace e contentezza.

Guardavano le pecore,

guardavano le pecore i pastori.

E un Angelo, splendente piA? del sole,

comparve

e disse loro:

“Non vi spaventate, no.

FelicitAi?? e riso,

la terra A? diventata un paradiso”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>