Ossa di Morto: Dolci Siciliani ai??i?? Ricetta

Scaled Image 1In Sicilia, in occasione della festa dei morti (2 novembre), si preparano dei particolari dolcetti chiamatiAi??ai???ossa di mortoai??? o ai???ossa ri mortuai???.

L’intento A? quello di commemorare i defunti.
Un modo molto pittoresco di istruire i piA? piccini al senso di famiglia e all’importanza di ricordare quei parenti che purtroppo non ci sono piA?, perchA? passati a miglior vita.

 

Ecco allora che i bambini buoni (attenzione, solo quelli buoni) ricevono un regalo da parte dei cari defunti. Il piA? delle volte si tratta proprio di dolcetti ed altre leccornie.
In particolare l’ossa ri mortu sono il regalo piA? tradizionaleAi??e forse uno dei piA? graditi ancora oggi.

Questo dolcetto ha la bizzarra forma di un osso. Ed anche masticarlo non A? molto facile.

Vediamo come si prepara.

Ingredienti :

300 g di farina per dolci;

300 g di zucchero semolato;

6 g di chiodi di garofano in polvere;

1/2 cucchiaino di cannella in polvere;

75 gr di acqua.

 

Procedimento:
Riscaldate, sempre mescolando, lo zucchero e l’acqua. Non A? importante per il momento riuscire a farlo sciogliere. Aggiungete in planetaria la farina, la cannella ed i chiodi di garofano. Poi versate a filo lo sciroppo.

 

Impastate quindi bene tutti gli ingredienti (meglio se vi fate aiutare da una impastatrice) e poi rimettete sul fuoco per qualche secondo la pasta che avete ottenuto. Non smettete mai di mescolare.

Alla fine dovreste ottenere una pasta morbida.
Togliete quindi la pentola dal fuoco e versate l’impasto su un ripiano infarinato.
Da qui in poi potete iniziare a formare tanti salsicciotti da tagliare a forma di biscotto.

I biscotti vanno poi ricoperti con un velo e lasciati ad asciugare per 3 o 4 giorni.

Dopo ¾ giorni, i biscotti vanno infornati a 180 gradi su carta da forno bagnata e strizzata. Bisogna stare accorti nel lasciare abbastanza spazio tra un biscotto e l’altro.
Dopo 10 o 15 minuti noterete che lo zucchero non si scioglierAi??, ma formerAi?? un croccante biscotto grazie al processo di caramellizzazione.

A quel punto il biscotto A? pronto.

 

Fonte: Siciliafan

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>