G. Zona “Come ti finanzio il Nord”

30677_1282493502019_448821_nDopo quasi cinquant’ anni dall’ inizio dell’ intervento straordinario permane il carattere di dipendenza dell’economia meridionale dal resto della nazione1 ed il divario tra Nord e Sud si A? andato accentuando ancora di piA?.
Fin dagli anni Sessanta innumerevoli critiche sono state mosse contro l’intervento straordinario, sottolineandone il mancato coordinamento nonchAi?? il carattere diffusivo (“a pioggia”) e, quindi, dispersivo. E’ stato sostenuto che la Cassa per il Mezzogiorno, poi Agensud, avrebbe dovuto muoversi all’interno di una logica “aggiuntiva” e non “sostitutiva” dei normali interventi delle altre amministrazioni. Poi, il carattere artificioso degli incentivi (modificabili per decreto e quindi non affidabili nel breve termine) e, soprattutto, la mancanza di infrastrutture avrebbero determinato uno scarso interesse verso il Sud da parte degli investitori.
Tutte osservazioni sicuramente condivisibili e note ai piA?. Meno noto A? che, in realtAi??, si A? perseguita una vera politica di sviluppo industriale soltanto dal 1958 alla metAi?? degli anni Sessanta: prima il grosso dei trasferimenti ha riguardato le opere pubbliche, poi ha prevalso la linea dei sussidi personali (da cui le definizioni “assistenziale” e “clientelare”). A fronte di una spesa pubblica pervasiva, la quota di trasferimenti alle imprese A? stata bassa.
Decenni di intervento statale, condizionato da interessi ed esigenze delle aree piA? sviluppate del Paese, hanno contribuito a strutturare nel Sud un mercato fortemente dipendente dalle importazioni di prodotti delle regioni settentrionali. Questo elemento ostacola fortemente l’ingresso nel mercato di imprese locali, che, comunque, molto difficilmente riuscirebbero ad essere concorrenziali, a fronte di un’evoluzione dei consumi sempre piA? simili a quelli delle regioni avanzate.
Dopo quasi cinquant’anni dall’inizio dell’intervento straordinario permane il carattere di dipendenza
Questo lavoro vuole essere un contributo alla rilettura dell’intervento straordinario a favore dell’industria nel Mezzogiorno, alla ricerca delle strategie che lo hanno guidato e dei soggetti che, dal carattere di dipendenza dell’economia del Sud, hanno tratto reali e duraturi vantaggi.
Lo studio fa riferimento al periodo Gennaio 1976 – Aprile 1993, data in cui ha termine l’intervento straordinario nel Mezzogiorno e prende in considerazione sia l’intervento straordinario a favore delle regioni meridionali che l’intervento ordinario a favore dell’industria italiana.
L’arco temporale considerato coincide con due momenti importanti di riforma del regime straordinario di intervento:
– nel 1976, attraverso la legge 2 maggio n. 183, si tenta una prima riorganizzazione della Cassa del Mezzogiorno, istituita nel 1950 , che grazie ad una serie di proroghe legislative era rimasta sostanzialmente immutata per oltre venticinque anni.
Nel marzo 1986 la legge n. 183/76 viene sostituita dalla legge n. 64, che segna anche il passaggio dalla “vecchia” Cassa del Mezzogiorno alla “nuova” Agenzia di promozione per lo sviluppo del Mezzogiorno (Agensud).
Le speranze di rinnovare la Cassa attraverso l’istituzione dell’Agenzia muoiono definitivamente nell’aprile 1993, quando si decide di non prorogare ulteriormente l’intervento straordinario e l’esistenza dell’Agenzia stessa, prendendo atto del suo fallimento.
Nelle intenzioni iniziali l’analisi avrebbe dovuto comprendere un periodo di tempo piA? vasto, dalla fine degli anni Cinquanta ad oggi, ma le difficoltAi?? incontrate nel ricevere i dati dagli organi interessati hanno imposto di ridurre il periodo considerato soltanto agli ultimi venti anni.

Ai??

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>