I duosiciliani a fianco del popolo sardo.

cds e sardi

CasertaAi?? 10 agosto 2013 (Nando Cimino)

- Nelle ultime ora alcune zone del Surcidano, in Sardegna, sono state letteralmente ridotte in cenere da una mano criminale che ha dato sfogo al fuoco assassino. Laconi, Nurallao, Isili ma anche Ghialrza, sono i Comuni piA? colpiti dalla sciagura che, come un macabro rito, si sta consumando anche in queste ore. Secondo le prime stime, tra i comuni di Laconi e Nurallao, il rogo ha devastato circa 8000 ettari di macchia, querce e pascoli. Intere mandrie sono state divorate dalle fiamme. Una prima analisi parla di oltre 1500 capi di bestiame arsi vivi, 500 nella sola Laconi, ma il triste bilancio sembra destinato a salire.

La Forestale ha giAi?? avviato le proprie indagini per stabilire la natura degli incendi anche se prende sempre piA? forma la matrice dolosa, grazie anche ad alcune testimonianze che parlano di razzi incendiari lanciati dalla distanza nella boscaglia.

La Sardegna arde da piA? di tre giorni ormai, e la disperazione della popolazione delle aree colpite, dei contadini e dei pastori, in modo particolare, monta ora dopo ora insieme alle polemiche per le difficili condizioni, vista la carenza di mezzi, in cui stanno operando i soccorritori.

Ma il popolo sardo, nella sua fierezza, non si abbatte anche grazie alla solidarietAi?? che arriva da ogni angolo della Sardegna e non solo. Il web ha giocato un ruolo fondamentale nella diffusione delle immagini e nel trasmettere le informazioni quasi in tempo reale. Il leader del ai???Movimento Pastori Sardiai??i??, Fortunato Ladu, a titolo personale, si A? fatto promotore di alcune iniziative che hanno avuto una larga eco anche fuori dallai??i??Isola. Egli stesso ha avuto modo di sottolineare: ai???Ci riempiamo la bocca di indipendentismo e libertAi??, questa A? l’ora della solidarietAi??. Non aspettiamo la pappa dello Stato, muoviamoci e facciamoci onoreai???.

Un appello immediatamente raccolto, al di qua del mare, dal presidente dei ai???Comitati delle Due Sicilieai??i?? Fiore Marro, che cosAi?? ha rimarcato: ai???Ci sentiamo molto vicini al popolo sardo che A? al nostro A? unito dalla medesima storia di oppressore. A loro va tutta la nostra solidarietAi?? per lai??i??attuale triste e complessa situazione ma, sulla scorta delle giuste parole di Fortunato Ladu, intendiamo, per ciA? che sarAi?? possibile in questo difficile momento per tutti, essergli vicino anche in termini materiali. Fin dal pomeriggio di ieri abbiamo dato avvio ad una raccolta fondi che verrAi?? ufficialmente presentata il prossimo sabato 17 agosto. Per dare ufficialmente avvio allai??i??iniziativa, abbiamo scelto la fattoria borbonica di Carditello a San Tammaro.

Dai cancelli chiusi della Real Tenuta, spiegheremo il perchAi?? del nostro impegno in favore delle meravigliose genti di Sardegna, nella speranza di coinvolgere anche altre realtAi?? associative e culturali in questa gara di reale solidarietAi??. Questo A? il momento ai??i?? conclude il duosiciliano ai??i?? in cui i Popoli devono unirsi tra loro ed assistersi a vicenda, visto che i pensieri di chi dovrebbe, sono sempre piA? lontani dalle esigenze e dalle necessitAi?? dei territori, soprattutto nei momenti di maggiore crisi come quelli che stanno vivendo le popolazioni di Laconi, Isili e Nurallao, ma di tutta lai??i??Isola.ai???

Appuntamento alle 10.30 di sabato mattina dunque, ai cancelli della Real Tenuta di Carditello per sostenere il Popolo sardo nella sua battaglia contro il ai???fuoco nemicoai??i??. Intanto, Fortunato Ladu, fa sapere che, chi vuole, puA? destinare la sua offerta versando il contributo per gli allevatori direttamente al codice Iban IT38L0101586760000000011760, Banco di Sardegna, intestato al Comune di Nurallao.

fonte:

http://www.primapaginaitaliana.it/caserta-citta1/item/7520-i-duosiciliani-a-fianco-del-popolo-sardo.html

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>