I Traditori : Ferdinando Lanza

A cura di Fiore Marro

Ferdinando Lanza

Nocera 10/4/1785Ai?? Napoli 21/5/1865

Ufficiale Generale presso S.M. il Re

Proveniente dalla cavalleria di linea ebbe la promozione a generale nel 1848, alla tenera etAi?? di 64 anni. Gli fu affidato una brigata nella spedizione di Sicilia, dove ebbe modo di figurare senza alcuna lode.

Per disgrazia del nostro amato Regno, fu nominato Maresciallo di Campo della piazza di Palermo, con il compito di fermare Garibaldi.

Fu certamente la peggiore delle scelte, perchAi?? Lanza era troppo vecchio, privo di coraggio, privo d’onore ed iniziativa, per poter affrontare un’impresa simile.

Con un esercito di ventimila uomini a sua disposizione, seppe solo limitarsi all’attesa, nella stretta trappola di Palermo.

Lanza non fu un traditore, fu un incapace, ed un inetto, una vergogna per l’intero mondo militare, anche per l’esercito dei soldatini di piombo.

FirmA? un armistizio di resa, che grida ancora dolore e vendetta, consegnando la Sicilia nelle mani del gran massone Garibaldi, una resa senza colpo ferire.

Dopo la fine della guerra, non contento del suo vile operato, si recA? a palazzo d’Angri ad ossequiare Garibaldi, e questo non A? certo un gesto degno di un militare d’onore, ma la personalitAi?? di questa parodia di soldato, non poteva produrre di meglio.

Ferdinando Lanza

Il bombardamento di Palermo.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>