Ciao “Comandante” indomabile Leone Borbonico.

salemi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciao “Comandante” indomabile  Leone  Borbonico.

Di Fiore Marro

Caserta 2 novembre 2017

“Ti stai rivelando, caro Fiore, veramente al di sopra di ogni aspettativa: interventi scritti e di persona, polemiche, attività a carattere politico, informazione e quanto altro ti fanno meritare un grande elogio, senza escludere chiaramente chi con te collabora e” fatica”, primo fra tutti l’ottimo Lorenzo ( Degl’Innocenti). Questo mio dire nulla aggiunge alla tua e vostra bravura, ma ho ritenuto doveroso esprimerlo.” Giovanni Salemi. Continua a leggere

I due giorni dei CDS: Concretezza, identità e …familiarità.

raduno-cds-2017

 

 

L’intervento di Dario Piraino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I due giorni dei Comitati: Concretezza, identità e …familiarità.

Caserta 11 ottobre 2017

Si è conclusa la due giorni di Comitati due Sicilie, svoltasi a Caserta il 7/8 ottobre . Nel corso del convegno, che ha visto l’intervento di nomi importanti per il movimento filoborbonico, si sono affrontati vari temi inerenti il futuro dell’associazione. Continua a leggere

Il grano del Canada è un rifiuto speciale che finisce sulle nostre tavole, compra sano compra duosiciliano.

grano-siciliano

 

 

 

 

 

Il grano del Canada è un rifiuto speciale che finisce sulle nostre tavole, compra sano compra duosiciliano.

Di Fiore Marro

Caserta 3 ottobre 2017

La AL.SI. Alimenti Siciliani (marchio di AMEGA2000 S.r.l.) impresa messinese, si avvale di produttori, agricoltori ed allevatori che producono in maniera tradizionale le materie prime. In tal modo vengono garantiti i valori nutrizionali e le proprietà organolettiche dei prodotti finiti. Gli alimenti commercializzati sono molteplici e spaziano dai prodotti panari, dolciari, conserve, piatti pronti etc. Il tutto nel pieno rispetto della natura e del benessere fisico: Continua a leggere

I Catalani sono i ricchi di Spagna, altro che Due Sicilie. Per loro è solo una questione di soldi, null’altro.

catarogna

 

 

 

 

 

 

I Catalani sono i ricchi di Spagna, altro che Due Sicilie. Per loro è solo una questione di soldi, null’altro.

Di Fiore Marro

Caserta 24 settembre 2017

Confesso di essere un pizzico invidioso, dei catalani, per quel che stanno vivendo in questi giorni, ma mai e poi mai però la mia visione del momento mi ha spinto a paragonarmi a loro; niente contro quelli che vogliono autodeterminarsi in casa loro, però nessun paragone, per carità. Continua a leggere

Il motivo per cui ci chiamano Mezzogiorno

napoli-bambino-piscia-sui-savoia

Il motivo per cui ci chiamano Mezzogiorno

di Fiore Marro

Caserta 17 settembre 2017

In 156 anni della storia italiana, lo “stivale” è stato spesso  oggetto di particolari attenzioni da parte di altre Nazioni . Da noi, al Sud, si è iniziato durante le campagne con l’invasione  tosco – padana, per la cosiddetta unità d’Italia, quando l’interesse della corona britannica era volta alla crisi e allo sconvolgimento violento del Regno delle Due Sicilie, per l’affermazione del loro modello politico di sviluppo e pseudo progresso e per la definizione di una Sicilia inglese a guardia dei traffici commerciali del Mare Mediterraneo, Continua a leggere

Le statue degli “Eroi” che cadono giù per mano degli uomini semplici.

statua-lee

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le statue degli “Eroi” che cadono giù per mano degli uomini semplici.

Di Fiore Marro

Caserta 10 settembre 2017

Intanto  l’ex  sindaco di Cerreto Sannita, Pasquale Santagata, dedica una strada a Cosimo Giordano, “brigante” ma che dopo un successivo riesame viene identificato come serio resistente e difensore dei cittadini una volta sudditi del Borbone . Nello stesso momento De Magistris e altri sindaci, cancellano o provano a farlo, il nome di Enrico Cialdini, eroe italiano di un Risorgimento che non appartiene certo ai popoli del meridione Continua a leggere

L’Italia e le sue verminose camarille

camarille

L’Italia e le sue verminose camarille

Di Fiore Marro

Caserta

1 settembre 2017

Si racconta, ho letto da qualche parte ultimamente, che durante il fascismo, un autorevole personaggio siciliano scrisse a Mussolini che per stroncare questo formidabile centro di infezione (la Mafia) bisognava spezzare “le losche combriccole e le verminose camarille”. Continua a leggere

Quella brutta insofferenza giacobina verso il “Giorno della memoria per le vittime sudiste dell’Unità”.

lapide-spezzata-a-fenestrelle

Quella brutta insofferenza giacobina verso il “Giorno della memoria per le vittime sudiste dell’Unità”.

di Fiore Marro

Caserta 29 agosto 2017

La proposta del Movimento 5Stelle, approvata dal Consiglio regionale pugliese e dal presidente della Giunta Michele Emiliano, sull’istituzione – il 13 febbraio – di “Una giornata in memoria” delle centinaia di migliaia di vittime sudiste uccise nell’Ottocento, durante l’invasione dell’esercito garibaldese prima e tosco – padano dopo, Continua a leggere

Il presidente CDS Fiore Marro & la Dieta borbonica al tempo del Regno delle due Sicilie

fiore-intervista-marotta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiore Marro

Il presidente CDS Fiore Marro & la Dieta borbonica al tempo del Regno delle due Sicilie

Di Redazione Gazzetta di Napoli – 21 luglio 2017

 a cura di Enrico Marotta.

Lei è il presidente del CDS (Comitato Due Sicilie), quali sono i suoi compiti e com’è incardinato il movimento nell’attuale contesto sociale meridionale? Continua a leggere

LA MARINA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE:

fiore-la-marina-foto-cimmino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La mia relazione per la conferenza su : LA MARINA NEL REGNO DELLE DUE SICILIE:

Napoli 10 giugno 2017  

      

Andare, andare, simme tutt’eguale

affacciati alle sponde dello stesso mare

e nisciuno è pirata e nisciuno è emigrante

simme tutte naviganti

Bennato Che il Mediterraneo sia

Non si può non rammentare che i saraceni e i pirati barbareschi avevano infestato le nostre coste dalla caduta dell’impero romano fino alla venuta di Carlo di Borbone. Con Carlo nel 1738 comincia l’organizzazione di una vera e propria flotta a difesa del regno, quindi si mettono in moto gli arsenali di Napoli e si dispongono le navi sullo Jonio, Sicilia e Tirreno. Continua a leggere