FIAT (Torino) vs. DR (Isernia – Due Sicilie)

dr3

Di Luca Longo

Roma, 17 marzo 2018

Fiat e il ruolo in Europa. “Abbiamo bisogno di fare spazio ai marchi più potenti. Non sto uccidendo Fiat, credo che abbia un grande futuro in America Latina, e che in Europa possa contare sulla forza della 500. Ma non dobbiamo essere emotivi: la rilevanza di Fiat per il pubblico è diminuita.”

Queste parole sono state pronunciate da Sergio Marchionne qualche giorno fa.

Certo, sembra molto singolare il fatto che Marchionne, nato a Chieti, capoluogo dell’ex Abruzzo citeriore, stia (quasi) “uccidendo” la Fabbrica Italiana di Automobili Torino.

Le affermazioni strategiche di Marchionne, che punta sul mercato “premium” (vedi 500) anche per il marchio FIAT, lasciano spazi di mercato alla DR Automobiles di Massimo Di Risio, imprenditore del Molise, che vende vetture dal prezzo interessante e quindi alla portata di molte tasche, sicuramente di molte duosiciliane.

Grazie ad una gamma rinnovata, i risultati di vendita dei primi due mesi del 2018 sono confortanti per la DR: + 24% a gennaio e + 91% a febbraio.

In bocca al lupo!

QUATTRORUOTE: ALTRO CHE UNITA’ D’ITALIA

 

2017-di-risio-6-300x180

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Luca Longo

Roma 17 febbraio 2018

Su Quattroruote di Febbraio 2018 è presente un interessante articolo sull’andamento delle immatricolazioni di automobili nel 2017.

A loro parere si sono accentuate le differenze tra le varie Regioni, tutto il Nord è cresciuto più della media mentre il Sud e le Isole molto di meno. Continua a leggere

AUTO “ITALIANE”? IN REALTA’ VENGONO PRODOTTE AL SUD (O ALL’ESTERO)

2017-di-risio-6

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La DR prodotto molisano.

 

AUTO “ITALIANE”? IN REALTÀ’ VENGONO PRODOTTE AL SUD (O ALL’ESTERO)

di Luca Longo

Roma 29 novembre 2017

Di tanto in tanto ritorno su un argomento che mi è caro, quello dell’industria nelle Due Sicilie, con particolare riferimento a quella automobilistica che conosco abbastanza bene fin dai tempi dell’Università. Continua a leggere

Luca Longo: “Per il Sud? Autonomia e massimo utilizzo dei Fondi europei”

 

Luca-Longo

Questa è la seconda ed ultima tappa che noi di Comitati Due Sicilie abbiamo voluto percorrere, attraverso due interviste, per presentare i candidati, esponenti del nostro movimento, alle prossime elezioni comunali di Napoli nel Partito del sud

 

 

1.Buonasera dott. Longo, potrebbe presentarsi illustrando ai nostri amici chi è lei e qual è stata la sua esperienza nel delicato settore dell’economia come responsabile finanziario di una grande azienda? Continua a leggere

GAETA 2016 – INDUSTRIALIZZAZIONE NELLE DUE SICILIE

Gaeta Luca Longo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luca Longo

 

Questo brevi appunti, presentati a Gaeta, sono basati sull’opera decennale di due studiosi dell’Università degli Studi di Roma, con il supporto istituzionale fornito dalla Banca d’Italia. 

Gaeta 6 febbraio 2016

<< Tra l’Unità e la Grande Guerra le sole fonti statistiche sulle economie regionali almeno teoricamente esaustive, ripetute nel tempo, ragionevolmente omogenee sono i censimenti demografici del 1861, 1871, 1881, 1901, e 1911; nel 1891 imperversava la crisi, per risparmiare, ahinoi, il censimento non venne fatto. Dal 1871 in poi questi censimenti contengono una classificazione dettagliata della forza lavoro, industria per industria.Si appoggia direttamente a questi dati, in mancanza di statistiche migliori, l’analisi diacronica dell’industrializzazione regionale >> (Fenoaltea). Continua a leggere

FISCO, SVIMEZ: NEL 2013 AI COMUNI DEL SUD TRASFERIMENTI SOLO PER IL 53,5 DEL FABBISOGNO STANDARD

Luca-Longo

di Luca Longo Vicepresidente nazionale Comitati Due Sicilie

Roma 2 aprile 2015

<< In Italia il sistema dei trasferimenti dallo Stato ai Comuni delle regioni a statuto ordinario non riduce ma accresce il divario tra ricchi e poveri: in base a  simulazioni SVIMEZ sugli schemi proposti da Luca Antonini e Piero Giarda, nel 2013 ai comuni del Centro-Nord è stato trasferito rispettivamente il 25% e quasi il 300% in più del fabbisogno teorico standard,mentre ai comuni meridionali è arrivato soltanto il 53,5% di quanto ipotizzato. È quanto emerge dallo studio “La finanza dei Comuni nel disegno di legge di stabilità 2015 e i principi della Costituzione” di Federico Pica e Fabrizio Greggi pubblicato sulla “Rivista economica del Mezzogiorno”, trimestrale della SVIMEZ diretto da Riccardo Padovani. Continua a leggere

Valore aggiunto industriale al 1871 – Province duosiciliane eccellenti

Luca-Longo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luca Longo

Nel 1871, a pochi anni dalla fine del Regno, nelle ex Due Sicilie c’erano ancora delle eccellenze a livello industriale, come si evince dalla seguente tabella sul “Valore aggiunto industriale” per Provincia.

In particolare, Napoli e Palermo erano rispettivamente al 4° e 9° posto su 69 Province italiane nella classifica generale.

Per quanto concerne i singoli settori industriali, Napoli era al primo posto in 2 settori e Palermo altrettanto in altri 2. Continua a leggere

Valore aggiunto industriale al 1871 – Eccellenze duosiciliane

raduno a caserta luca longo

 

 

 

 

 

 

Luca Longo al raduno dell’11 e 12 ottobre 2014 a Caserta 

Nel 1871, 11 anni dopo lo sbarco dei “Mille”, il territorio duosiciliano presentava ancora delle eccellenze a livello industriale, come si evince dalla seguente tabella sul “Valore aggiunto industriale”.

In particolare, Campania e Sicilia erano rispettivamente al 3° e 5° posto su 16 Regioni italiane nella classifica generale.

Per quanto concerne i singoli settori industriali, la Sicilia era al primo posto in 3 settori, al secondo posto in uno, la Campania al secondo in 2 settori. Continua a leggere