La “Francesco I” fu la prima nave da crociera in Europa

prima-nave-da-crociera-250x135

 

 

 

 

La “Francesco I” fu la prima nave da crociera in Europa

Napoli 29 AGOSTO 2017

DI ALESSIA MANCINI

In Italia le navi a vapore circolavano già a partire dal 1818. La prima nave del genere fu la Ferdinando I: costruita nei cantieri partenopei di Vigliena, salpò da Napoli il 27 Settembre ed inaugurò una stagione di incredibili primati marittimi per i Borboni che si successero nell’amministrazione del Regno delle Due Sicilie. Non fece certo scalpore, quindi, quasi quindi anni più tardi, la costruzione del “Francesco I”, uno dei tanti piroscafi di cui la flotta borbonica si poteva fregiare. Continua a leggere

Quando i Borbone raggiunsero l’America

borbone america

 

 

 

 

 

 

Quando i Borbone raggiunsero l’America

di Romualdo Gianoli

17 luglio 2015

Che l’Armata di Mare del Regno delle Due Sicilie (com’era allora chiamata la Marina da guerra borbonica) fosse la più importante tra le Marine preunitarie è un fatto noto. Molto meno noto, però, è che, all’indomani dell’unità d’Italia, Cavour ne adottasse le ordinanze, i regolamenti, i segnali e perfino lo stile delle uniformi duosiciliane, estendendole alla neonata Regia Marina del Regno d’Italia. Con buona pace di quella vera sciocchezza che fu la leggenda del “Facite ammuina”. Una tale decisione da parte di Cavour (uno non certo incline a nutrire simpatie per tutto quanto fosse stato borbonico) in realtà la dice lunga sulla considerazione e la stima di cui godeva l’Armata di Mare napoletana, i suoi uomini e i suoi mezzi, rispetto alle analoghe istituzioni preunitarie. Stima e considerazione che la Marina di Sua Maestà borbonica aveva saputo conquistarsi nel corso del tempo, attraverso tutta una serie di attività e iniziative che ne avevano fatto (per consistenza e capacità) la terza marina da guerra d’Europa e la prima d’Italia. Un esempio oggi ben poco noto (per non dire del tutto sconosciuto ai più) di queste attività, è l’avventurosa storia delle missioni oceaniche compiute da quelle navi che formavano l’orgoglio della nazione meridionale. E’ il caso, allora, di ricordare proprio una di queste missioni che si svolgeva proprio in questi stessi giorni di luglio di centosettantadue anni fa. Continua a leggere

Mannaggia ‘a Marina

mannaggia2-1I Comitati delle Due Sicilie rendono disponibile alla lettura on line e al download del fascicolo Mannaggia ‘a Marina che Vincenzo Tortorella ha preparato coadiuvato da Antonio Cimmino di Castellammare di Stabia (che ha fornito le schede della flotta) sui principali navigli della Real Armata di Mare duosiciliana prodotti nel Real Cantiere Navale di Castellammare di Stabia.

Nel fascicolo sono inoltre presenti un cenno storico sulla Real Armata di Mare, sul Real Cantiere Navale di Castellammare.

Tutte le schede sono state elaborate da Antonio Cimmino, esperto di storia navale antica e contemporanea a cui vanno i nostri ringraziamenti per l’eccellente lavoro svolto alla diffusione della nostra storia identitaria.

Per visualizzare il fascicolo ed eventualmente scaricarlo cliccare sul seguente link:

armatadimare

 

Breve storia della Real Marina

La naturale posizione geografica del Regno di Napoli aveva da sempre favorito lo sviluppo delle forze marine, sia mercantili che militari. Quando Carlo di Borbone conquistò però il Regno nel 1734, la situazione era grave a causa delle continue incursioni dei pirati barbareschi, che rendevano insicure le coste e il commercio.

1.resized

Continua a leggere