Il Regno di Sicilia, i due Regni di Sicilia, il Regno delle Due Sicilie

congresso-2018-bellotti

Mario Bellotti

 

Il Regno di Sicilia, i due Regni di Sicilia, il Regno delle Due Sicilie

Di  * Mario Bellotti

Milano 17 ottobre 2018

La storia del Meridione d’Italia prima dell’annessione al Regno di Sardegna nel 1860 e dell’immediata proclamazione del Regno d’Italia, ci parla di un percorso lungo e ricco di vicende cruciali, insieme grandiose e tragiche, che beneficia di un’istituzione politica prestigiosa e senza termini di paragone nella Penisola, pur ricca di piccoli ma magnifici Stati come le Repubbliche di Venezia e di Genova e i Ducati di Milano e di Toscana (quest’ultimo dal Cinquecento promosso a Granducato), giusto per citare i più importanti. Continua a leggere

La strage di Montefalcione: quando i rivoltosi si ribellarono allai??i??Italia. Fu bagno di sangue

montefalcione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La strage di Montefalcione: quando i rivoltosi si ribellarono allai??i??Italia. Fu bagno di sangue

 

10 luglio 2017 Antonio Gaito Ai??

Rivolta di Montefalcione

Tra il 6 e il 10 luglio 1861 un paese in provincia di Avellino, Montefalcione, ed altri paesi limitrofi furono teatro di una rivolta filo borbonica. Una delle tantissime che si verificarono nei territori dellai??i??ormai ex Regno delle Due Sicilie, perpetrate allo scopo di riconsegnare il trono al suo legittimo proprietario il re Francesco II di Borbone. Tale insurrezione culminA? in un bagno di sangue del quale si resero protagonisti il Regio Esercito Italiano e la legione ungherese, che assassinarono brutalmente dalle 97 alle 150 persone. Allai??i??origine della strage ci fu lai??i??insurrezione di Montemiletto. Continua a leggere

Comitati Due Sicilie – Un anno è trascorso….un altro comincia. Buon 2017

la-targa-alla-borbone

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La targa di presidente onorario CDS donata alla duchessa di Calabria Maria Carolina di Borbone Due Sicilie.

 

Comitati Due Sicilie – Un anno è trascorso….un altro comincia. Buon 2017

di Lucia Di Mauro

Napoli 30 dicembre 2016

Voltarsi indietro e riguardare il cammino percorso non è sempre un atto negativo, poichè tracciare un bilancio del passato aiuta a capire quanta strada è stata già fatta, quanto è necessario ancora percorrerne per raggiungere i propri obbiettivi e, nel contempo, essere soddisfatti per quanto già si è realizzato. L’anno trascorso, per gli uomini e le donne di Comitati due Sicilie, è stato denso di impegno e di emozioni. Continua a leggere

Maria Maddalena De Lellis

Maria Maddalena De Lellis

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maria Maddalena De Lellis

 

(San Gregorio Matese, 8 agosto 1835 ai??i?? San Gregorio Matese, 7 marzo 1908) A? stata una brigantessa.

Alla macchia

Maria Maddalena De Lellis nacque lai??i??8 agosto 1835 a S. Gregorio, lai??i??attuale San Gregorio Matese in provincia di Caserta.

Contadina, analfabeta, con un marito in galera per connivenza col brigantaggio ed un figlio piccolo, nella primavera del 1864 divenne lai??i??amante di Andrea Santaniello. Ex soldato dellai??i??esercito borbonico, dopo essere stato il braccio destro di Cosimo Giordano, capo di tutti i capi brigante del Matese, aveva formato una propria banda che aveva inquadrato secondo regole militari. Nel giro di pochi mesi la storia divenne nota, e quando i soldati andarono per arrestarla, Maddalena si dette alla macchia. Continua a leggere

Storia del brigante Misdea di Girifalco.

brigante Misdea di Girifalco.

Storia del brigante Misdea di Girifalco.

Nicotera 2 settembre 2014

CiAi?? sono momenti della storia Calabrese finitiAi?? nel dimenticatoio alcuni volutamente altri perchAi?? non tutto si puA? ricordare. Eppure sulla storia Calabrese il fatto delai???briganteai??? Misdea seppur fondamentale rimane nell’oblio. Oggi, questa storia merita di essere rivangata e fatta conoscere ai piA?. Senza ombra di dubbio sono in pochi a sapere questa storia, eppure laAi?? storia Misdea che riempAi?? i giornali di tutta Italia, dovrebbe raccontare molte cose e dovrebbe indurre i lettori a comprendere che in un tempo dove l’UnitAi?? andava edificata, a causa di studi poco attendibili fallAi?? miseramente. Siamo a Girifalco nelle Serre Catanzaresi qui nacque dopo l’UnitAi?? nel’62Ai?? e visse fino all’etAi?? di 22 anni ilai???feroceai??? Salvatore Ai??Misdea. Continua a leggere

Il generale Vito Nunziante

Vito-Nunziante

Vito Nunziante, quartogenito di 11 figli nacque il 12 aprile 1775 a Campagna dai??i??Eboli, Salerno, feudo dei duchi Pironti, da una famiglia media borghese possidente agraria.

Il padre Pasquale e la madre Teresa Notari. a 6 anni lo mandarono a studiare in seminario con suo prozio paterno il canonico Antonino, prebendario della cattedrale di Campagna, di cui divenne suddiacono nel 1771 e due anni dopo diacono. Continua a leggere

Carlo Antonio Gastaldi (brigante), di Gustavo Buratti

Carlo Antonio Gastaldi da soldato dellai??i??esercito piemontese, sceso al sud per reprimere il brigantaggio, diventa brigante della banda del sergente Pasquale Domenico Romano di Gioia del Colle, in provincia di Bari.
Nacque il 7 novembre 1834 in Piemonte a Vagliumina (oggi quarantasei abitanti), piccola frazione di Graglia, in provincia di Biella. Il padre era selciatore, lui cardatore.
Nel 1855 fu arruolato in fanteria. CombattA? contro gli austroungarici a Palestro, meritandosi una medaglia dai??i??argento. Ma la vita militare non era per lui. Venne condannato piA? volte, dal Tribunale di guerra, al carcere. Due volte fu graziato dal re piemontese. Continua a leggere

La battaglia di Caiazzo

battaglia di caiazzo

Oggi, 20 settembre 1860, fa caldo e cai??i??A? odore di polvere; li davanti,dopo la spianata, ecco la cittAi?? di Caiazzo con le sue vecchie case, che si inseguono una dietro lai??i??altra comeAi?? filari di pioppi, affastellate, intricate. Luccicano ai riflessi infuocato del riverbero del sole, tanto che sembra che siamo in piena estate. Continua a leggere