CDS Candela Due Sicilie la squadra di calcio a 6 pronta per il torneo di San Rocco

cds-candela-due-sicilie

CDS Candela Due Sicilie la squadra di calcio a 6 pronta per il  torneo per le festività di San Rocco a cura del Comune.

Di Fiore Marro

Caserta 9 agosto 2018

Il responsabile dei Comitati Due Sicilie di Foggia Provincia, Angelo Chieffo, comunica che, in data 9 agosto 2018 inizia il torneo di calcio a 6, che si terrà a Candela (FG) dal 10 al 18 agosto.

La squadra che parteciperà a nome degli innamorati del giglio borbonico si chiama CDS Candela Due Sicilie, useranno i colori gigliati e la Bandiera delle Due Sicilie, ad ogni partita e per inciso giocheranno con le divise della Legea (di Pompei) bianche, rosse e Blu: colori che vogliono richiamare la divisa del Primo Reggimento Re.

Il torneo è organizzato per le festività di San Rocco a cura del Comune di candela.

La rosa è la Seguente:

Francesco Cringoli in porta, da Sant’Agata di Puglia paese natale del capobrigante Giuseppe Schiavone, (Crignoli ci ha tenuto a farci sapere che partecipa soprattutto  perché è sensibile alla causa).

Gabriele Cavaliere; Gerardo Solazzo ; Antonio Marrese; Francesco Palermino ; Francesco Di Gianvittorio;

Angelo Chieffo; Vincenzo Letterio completa il quadro della squadra identitaria.

Il referente dei CDS del foggiano, Angelo Chieffo è il promotore della iniziativa che ha messo assieme la nostra squadra, e avrà la collaborazione di Michele Albanese di Candela, che sarà presente al fianco del nostro referente, anche lui sensibile alla causa identitaria.

Non è un’azione sporadica quella della composizione di squadre di calcio e calcetto che si rifanno alla storia e ai colori dell’antico Regno, nel casertano a San Gregorio Matese, c’è la squadra dei “briganti”, lo Sporting Club Bernabei, squadra di Calcio a 5. La preziosità del progetto è lo stemma borbonico sul completino dello Sporting Club Bernabei, e la scritta “ Briganti del Matese” sul petto della casacca ufficiale, che racconta anche attraverso il pallone, quella voglia di ritorno alle origini, che spinge molti sportivi  innamorati delle Due Sicilie a vestirsi dei colori borbonici, come le bandiere allo stadio, da qualche tempo non solo al San Paolo di Napoli, si racconta di  vessilli gigliati anche sui campi del Foggia, del Cosenza, in Sicilia.

In questi anni, la palma d’oro della rappresentanza duosiciliana nel calcio ufficiale deve essere assolutamente riconosciuta alla Real Atellana. La squadra presieduta da Alberto  Petillo, presidente appunto della Asd Real Atellana Due Sicilie, che orgogliosamente vantano l’ affiliazione alla Figc Lnd (Federazione italiana gioco calcio, lega nazionale dilettanti) divisione calcio a 5.

Quindi  è la prima squadra ufficiale registrata alla FIGC, relativamente a tutte le divisioni esistenti, con logo e nome delle Due Sicilie. Il logo inoltre comprende un’immagine del comprensorio di Orta di Atella, e i colori giallo e rosso ovvero quelli della corona di Napoli .

Sono stati tanti i tentativi per sdoganare anche nel mondo del pallone, l’identitarismo duosiciliano, e la squadra di Alberto Petillo e Francesco Casaro, è di sicuro il sodalizio che ha fatto più strada .

Un tentativo ambizioso fu quello che vide nel 2009, quando insieme ai Comitati delle Due Sicilie, Pasquale Pollio fondò la Nazionale di calcio delle Due Sicilie,un progetto bellissimo, mettere in campo una squadra di calcio che rappresentasse il Regno. A questo progetto avevano aderito anche grandi ex calciatori,un nome fra tutti Mark Iuliano. Il progetto è naufragato per le solite divisioni che nascono nel nostro mondo, ma l’esperimento fu molto intrigante.

Un ricordo lontano, nel oramai 2004 mi riporta a Caserta, quando gli esponenti del Movimento Neoborbonico del tempo, parteciparono a un torneo di calcio a 5, con i colori della squadra della Casertana ( rossoblu) ma con lo stemma delle Due Sicilie sul petto e con la scritta di nomi, sulle spalle, che onoravano briganti e soldati borbonici, al sottoscritto, che partecipò al torneo, toccò la numero 8 con su scritto : Josè Borjes.

Faremo tutti il tifo per i ragazzi della CDS Due Sicilie Candela.

La squadra esordirà nel torneo sabato 10 agosto, forza e onore ai nostri ragazzi.

I Dazi di Trump e quelli di Francesco di Borbone

dogane-due-sicilie

I Dazi di Trump e quelli di Francesco di Borbone

Di Fiore Marro

Caserta 2 agosto 2018

ArcelorMittal il gigante dell’acciaio ha chiuso la prima parte dell’anno con un risultato netto positivo di 1,9 miliardi, in crescita del 56% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Numeri che sono la conseguenza delle barriere tariffarie imposte dagli Usa e in particolare i dazi su alluminio e acciaio, che hanno limitato le importazioni dalla Cina, e di cui la società ha beneficiato positivamente in uno dei suoi mercati principali, cioè gli Stati Uniti.

Malgrado le proteste in nome del libero scambio, in anni recenti pure l’Unione Europea ha imposto vari dazi sui prodotti cinesi in acciaio, favorendo una ripresa di questo settore industriale dopo gli anni più bui seguiti alla crisi del 2008. Continua a leggere

Gramsci, ultimo paladino a combattere contro una storia scritta dai vincitori

01_avanti_1920_lanzo_ubriaco_gramsci

Gramsci,  ultimo paladino a combattere contro una storia scritta dai vincitori

Di Fiore Marro

Caserta 31 luglio 2018

“Lo Stato italiano è stato una dittatura feroce che ha messo a ferro e fuoco l’Italia meridionale e le isole, squartando, fucilando, seppellendo vivi i contadini poveri che scrittori salariati tentarono d’infamare col marchio di briganti.” Articolo  “Il lanzo ubriaco” di Antonio Gramsci , dal giornale ’Avanti! del Mercoledì  18 Febbraio 1920 – Edizione Piemontese . Continua a leggere

Freedom for Two Sicilies – Freedom for Two Sicilies Lettera aperta ai Compatrioti d’oltreoceano

duosiciliani-damerica

Freedom for Two Sicilies

Lettera aperta ai Compatrioti d’oltreoceano

Di Fiore Marro

Caserta 28 luglio 2018

Ho sempre ritenuto che la svolta per la libertà for Two Sicilies sarebbe potuta  arrivare dai nostri Compatrioti d’oltreoceano.

L’idea mi balenò dopo avere letto il diario di “la storia segreta dell’IRA”, in cui si racconta di quando Clinton  invitò Gerry Adams, presidente del Sinn Féin, braccio politico dell’IRA , negli States.

Quando Clinton lo chiamò in America per incontrare le comunità irlandesi degli USA per spiegare le loro ragioni, Adams era contemporaneamente, addirittura in contatto con Gheddafi,  per commettere azioni di guerriglia, grazie alle armi fornite alla sua organizzazione  dalla Libia, tuttavia decise di accettare la  proposta del presidente. Continua a leggere

Fuga dal sud, prima erano le “braccia” oggi i “cervelli”

valigia-emigrante

Fuga dal sud, prima erano le “braccia” oggi i “cervelli”

Di Fiore Marro

Caserta  27 luglio 2018

Sempre più duosiciliani fuggono all’estero, solo negli ultimi 10 anni sono andati via dal sud italiano, quasi quanti lasciarono il nostro territorio subito dopo la II guerra mondiale, un fenomeno biblico terribilmente in aumento. Continua a leggere

Cassa Depositi e Prestiti , Fede di Credito nel Regno delle due Sicilie

fede-di-credito

Cassa Depositi e Prestiti , Fede di Credito nel Regno delle due Sicilie

Di Fiore Marro

Caserta 26 luglio 2018

La creazione del primo istituto da cui sarebbe derivata la Cassa Depositi e Prestiti risale al Regno delle due Sicilie.

Le intendenze di finanza esistevano nel territorio del Regno delle Due Sicilie sotto la denominazione borbonica e costituivano “Uffici provinciali diretti” comprendenti tutti i servizi dell’Amministrazione finanziaria. Successivamente, essendosi ravvisata la necessità e l’opportunità dell’unificazione legislativa e amministrativa, sorsero le Direzioni compartimentali per alcuni rami del servizio. Continua a leggere

Intervista per il giornale Roma a Marco Esposito autore di Separiamoci

intervista-a-esposito

 

Giornale Roma giovedì 19 luglio 2018

 

Intervista per il giornale Roma a Marco Esposito autore di Separiamoci

Di Fiore Marro

Caserta 20 luglio 2018

Marco Esposito, 55 anni, giornalista napoletano che, dopo aver lavorato a Milano (tra l’altro alla Voce di Indro Montanelli) e a Roma (al Messaggero e a Repubblica) dal 2000 è tornato nella sua città accettando l’offerta del Mattino. Marco svolge da sempre un’attività giornalistica di denuncia delle storture del federalismo fiscale e ha avuto una parentesi di attività politica tra il 2010 e il 2015 Continua a leggere

La strage di Bronte dell’Agosto 1860: un monumento per non dimenticare le vergogne di Garibaldi e Nino Bixio

strage-di-bronte-monumento

Foto Salvatore cabibbo.

La strage di Bronte dell’Agosto 1860: un monumento per non dimenticare le vergogne di Garibaldi e Nino Bixio

Di Fiore Marro

Caserta 18 luglio 2018

Nel luogo dove avvenne l’eccidio dei poveri malcapitati cittadini brontesi, colpevoli di avere creduto ingenuamente che davvero si stava facendo l’Italia, nel posto dove è avvenuta la fucilazione, sorge orgogliosamente,  il monumento  voluto dall’amministrazione comunale, con delibera nell’anno 1985, che commissionò l’opera poi  eseguita magistralmente,  da uno scultore di Bronte, Continua a leggere

Il Placito Capuano, comunemente considerato l’atto di nascita dell’ italiano volgare.

placito-capuano

Il Placito Capuano, comunemente considerato l’atto di nascita dell’ italiano volgare.

Di Fiore Marro

Caserta 17 luglio 2018

Ho scoperto la storia del Placito Capuano grazie al mio amico Giovanni Salemi, che volle invitarmi a una conferenza a Capua, una decina di anni orsono, presso il Palazzo Lanza, dove alcune bravissime studiose del periodo in questione, recitavano il testo, in maniera sublime. Continua a leggere

Campania: Ronghi (Sud protagonista), consiglio regionale presenti mozione per martiri di Pietrarsa

CAMPANIA, RONGHI (SP): "REGIONE PRESENTI MOZIONE PER MARTIRI DI PIETRARSA"-FOTO

Campania: Ronghi (Sud protagonista), consiglio regionale presenti mozione per martiri di Pietrarsa

Di Fiore Marro

Napoli, 14 luglio 2018 

Campania: Ronghi (Sud protagonista), consiglio regionale presenti mozione per martiri di Pietrarsa Di Fiore Marro Napoli, 14 luglio 2018 “I Comitati due Sicilie hanno affiancato il progetto di Sud Protagonista accanto al segretario nazionale del partito, perché parafrasando Terenzio che diceva “Tutto ciò che è umano mi interessa”, noi diciamo “Tutto quello che riguarda il sud italico ci interessa”, specie le battaglie giuste come la lotta dei martiri di Pietrarsa” – ha esordito Fiore Marro. Continua a leggere